Fashion Week(end): Shironuri

Questa volta parliamo della moda Shironuri!
Shironuri vuol dire letteralmente “dipinta di bianco”, riferendosi alla caratteristica principale di questo tipo di moda: il viso e ogni parte del corpo scoperta viene coperta di cerone bianco, come quello utilizzato dalle geishe e dagli attori del teatro Kabuki. contrariamente alle altre mode di cui vi ho parlato, lo Shironuri non ha regole fisse particolari da seguire per quanto riguarda l’abbigliamento e gli accessori, poiché per questi outfit ci si può ispirare a qualunque cosa, ma spesso si rifà ad elementi tradizionali giapponesi come kimono, hakama (una sorta di gonna-pantalone a pieghe) e abiti tipici degli attori o delle geishe. Lo stesso avviene per il make up e le acconciature, con i quali si può sperimentare per trovare il proprio stile personale.In realtà non è molto considerato nelle varie features dedicate al quartiere di Harajuku, ma poiché esistono alcune eccezioni penso di potervene parlare in questa rubrica 🙂

tumblr_n74ockhfwk1rj5ou9o5_r1_1280
Lo trovo molto interessante, soprattutto per questo senso di libertà dai “canoni” che invece sono presenti per gli altri look. Per questo volevo riuscire a parlarne a tutti i costi e fortunatamente ho trovato una rappresentante italiana per questo stile, Beatrice da Torino (è anche una mia compaesana *^*)

Disclaimer: le foto che mostrerò delle ragazze/dei ragazzi intervistate/i non mi appartengono, ma sono dei rispettivi fotografi. Se alcune foto senza logo sono di vostra proprietà, vi invito a contattarmi per mettere i vostri crediti.

Come descriveresti in poche parole la moda di Harajuku?
La descriverei come colorata, libera e catartica. Colorata perché sempre ricca di accessori e stampe sgargianti; libera perché priva di canoni ben prestabiliti o fissati in modo assoluto; catartica perché attraverso essa puoi esprimere davvero te stesso e riuscire a mostrare la creatività e la personalità di cui sei portatore.

Beatrice4

Sappiamo che indossi lo Shironuri, come definiresti il tuo stile in particolare?
A volte mixo il mio Shironuri con abiti Dolly kei o Lolita, che adoro e che a volte indosso anche senza make up facciale, quindi lo definirei molto eclettico, floreale ed elegante.

Da quanto tempo indossi Shironuri e come hai scoperto questa e le altre mode giapponesi? Lo indosso da relativamente poco, circa un anno. Ho scoperto il mondo della moda nipponica grazie soprattutto agli anime ed ai manga, di cui sono molto appassionata. Amiche e conoscenti mi hanno poi indirizzata a vestire in prima persona in stile Harajuku e… non ho più potuto farne a meno! Per quando riguarda lo Shironuri… Mi è bastato vedere una foto di Minori: un’opera d’arte vivente; questo mi ha spinto a voler provare anche io a raggiungere lo stesso livello di abilità nel make up facciale.

Perché hai scelto uno stile così particolare?
Ho scelto lo Shironuri perché amo ogni suo aspetto: dalla preparazione e composizione dell’outfit, alla sua realizzazione o customizzazione, fino al white make up sul volto. Credo finalmente di aver trovato uno street style attraverso cui poter esprimere appieno la mia creatività e il mio ideale di bellezza. Indossando lo Shironuri mi sento finalmente me stessa, e non devo più vergognarmi della mia fisicità o del mio volto: il tutto si traduce in arte, io stessa divento arte (almeno, spero XD anche se mai come Minori o altri artisti Shironuri) e non mi curo più del parere della gente, che può concepire o meno il mio modo di vestire ed essere.

Beatrice6

Non deve essere semplice creare outfit e trucco, come hai iniziato quindi a indossarlo?
La prima volta che ho indossato un outfit Shironuri ero al Torino Comics 2015. Per quanto fosse una fiera del fumetto e non un raduno di moda giapponese, avevo comunque deciso di testare il make up ed il vestito per valutare in che modo sarebbe stato accolto dalla massa. Nonostante rabbrividisca per l’orrore, guardando indietro le foto scattate allora (beh, spero con il tempo di essere leggermente migliorata XD), molte persone hanno apprezzato il mio lavoro e questo mi ha spronato ad andare avanti e migliorarmi sempre più ^^

Lo indossi quotidianamente o solo in occasioni particolari (meeting, eventi, fiere, feste, etc.)?
Solo in particolari occasioni, principalmente ai raduni Harajuku o a fiere cosplay (è pressoché impossibile indossarlo quotidianamente XD a meno che non si viva in Giappone).

Prima ho introdotto brevemente lo Shironuri, raccontaci tu quali sono le caratteristiche di questo stile. Inoltre, cosa c’è di personale nei tuoi outfit rispetto a queste caratteristiche?
Fondamentale è la base bianca con la quale si dipinge il volto, generalmente realizzata con cerone e cipria bianchi; oltre a quello, le ciglia finte (più lunghe sono, meglio è) e lenti a contatto doll eye colorate, per enfatizzare l’occhio ^^. Personale nei miei outfit è la semplicità del trucco attorno agli occhi, che preferisco sfumare e rendere delicato o impreziosire con qualche applique.

Quali sono i tuoi brand preferiti?
Lo Shironuri non ha brand a cui far riferimento, perché ci si veste soprattutto vintage o handmade, però… Adoro Baby the stars shine bright, Bodyline, Gothic Lolita Punk, Mariagrazia Panizzi, Morgan, Twin Set, Versace e molti altri. Amo gli accessori o abiti usati, soprattutto quelli vecchi da nonna XD
Beatrice2
C’è qualcosa che condiziona la scelta dei tuoi outfit?

Principalmente la scelta è condizionata dai colori. Ogni mio outfit ha un colore specifico a cui fa riferimento, ma mi baso soprattutto sul materiale a mia disposizione per realizzarlo: se trovo un abito di un colore specifico, rinvengo una parrucca che ho già e scelgo accessori ad essi coordinati (si va al risparmio XD).

Quanto spendi mediamente per seguire questo stile?

Relativamente poco, perché gli outfit Shironuri da me realizzati sono composti da capi ed accessori che posso indossare quotidianamente per andare all’università od uscire la sera. Inoltre, non avendo molte volte un brand, perché come dicevo non ne esistono per lo Shironuri, costano molto poco… È la preparazione ed il lavoro di modifica degli stessi che costa tempo e fatica (lo dice una che non sa cucire lol)!. Spendo soprattutto per le parrucche e, ahimè, per le ciglia finte, che adoro e di cui non riesco a fare a meno XD

Come, una moda che costa poco? XD allora da dove compri vestiti e accessori per il tuo stile? Li fai anche a mano?
Negozietti dell’usato! Posti magnifici dove le nonne portano abiti vintage splendidi che solo gente anacronistica come me indosserebbe XD li modifico a mano quando serve e aggiungo dettagli ma comunque parto sempre da un vestito già fatto come base ^^

Quale accessorio o dettaglio non può mancare nei tuoi outfit?
Perle, fiori, tulle, crinoline, spille, collane vintage, guanti bianchi, foulard e scarpe con il tacco!!

Se non indossassi questo stile, quale altro indosseresti?
Il Lolita, il Dolly kei o il Kodona.

Molto diversi dallo Shironuri! Li hai già indossati?
Sì! Ho cominciato con il Lolita, a cui sono straordinariamente affezionata, poi ho provato il Dolly kei, il Kodona, l’Aomoji ed il Gyaru. I primi tre stili si ritrovano un poco solitamente nei miei outfit Shironuri, mentre gli altri li indosso anche normalmente nella quotidianità in modo “soft”.

Beatrice1

Veniamo alle reazioni delle persone, argomento sempre un po’ spinoso. Cosa ne pensano del tuo stile amici e parenti?
I miei genitori mi hanno sempre appoggiata e sono felici del fatto che esprima la mia personalità in modo costruttivo e funzionale a me stessa. Lo street style giapponese mi ha permesso anche di sancire tantissimi buoni rapporti amicali, il che è sempre un qualcosa di positivo per il diretto interessato e per i suoi genitori XD anche i miei amici (i veri amici ovviamente) mi supportano e anzi si complimentano con me per i miei lavori. Sono fortunata!!

Sei mai stata presa in giro per il tuo modo di vestire? E come hai affrontato le critiche?
Mi è capitato di ricevere commenti poco graditi o totalmente insensati riguardo ai miei outfit Shironuri (e non solo! Anche quando sono vestita normalmente!). Credo che ciascuno abbia gusti personali propri che devono poter essere rispettati; può capitare che qualcuno non trovi visivamente piacevole il mio modo di vestire, ma non ritengo che questo sia sufficiente a criticarlo o denigrarlo. Sono solita lasciar correre perché ho sempre fiducia che, tra tante persone che mi lanciano sguardi interrogativi o negativi, vi sia chi abbia il coraggio e la curiosità di chiedermi perché abbia il volto dipinto di bianco.

Visto che hai portato lo Shironuri per la prima volta ad una fiera, hai conosciuto altre persone che indossano questo o altre mode giapponesi?
Conosco per fama Minori, la più famosa modella giapponese Shironuri conosciuta anche all’estero, e Gama, che ha fatto qualche foto assieme a lei. Vi sono molti altri personaggi di Harajuku famosi (Kurebayashi, Junnyan) che conosco di fama, ma anche artisti italiani miei coetanei che si cimentano sia nello Shironuri che in altri street style, come i miei amici della Harajuku Fashion Walk di Torino!

Hai dunque un modello che segui per il tuo stile? Altrimenti a cosa ti ispiri?

Sì, mi ispiro in particolare proprio a Minori!


Ti capisco, ho visto alcune sue foto, viene spesso fotografata per strada ed è favolosa! L’intervista finisce qui ma dimmi un’ultima cosa, come ti fa sentire indossare questo stile e c
osa consiglieresti a chi vorrebbe cominciare ad indossare questa o altre mode giapponesi?
Semplicemente mi fa sentire bella, completa e realizzata.
A coloro che vogliono cominciare a vestire in stile Harajuku, sia occasionalmente che giornalmente, dico di non curarsi troppo del giudizio della gente. L’importante è sentirsi bene con se stessi e riuscire ad esprimerlo anche esteriormente: è inutile cercare di uniformare i propri gusti a quelli della massa, qualora si ha il desiderio di mostrarsi per quello che si è davvero. Al contempo però, credo che l’opinione delle persone attorno a noi sia importante e ci aiuti ad ispirare il nostro comportamento, dirigendolo in modo funzionale a noi stessi e alla collettività. Credo che, per quanto ciascuno possa vestirsi liberamente, abbia anche delle regole e delle norme sociali a cui attenersi, nel rispetto dell’ambiente in cui vive.

Finita questa splendida intervista su uno stile davvero particolare, estroverso ed eclettico, non mi resta che lasciarvi i soliti link per saperne di più:

Link utili:
Pagina della Harajuku Fashion Walk – Torino
: https://www.facebook.com/Harajuku-Fashion-Walk-Torino-560061657347966/?fref=ts
Video Minori’s World – Japanese Shiro-Nuri Subculture Interview & Photo Shoot 2012https://www.youtube.com/watch?v=Dwi5OhZJmFI
Video Japanese artist MINORI “ShiroNuri Makeup” interview & exhibition 2014https://www.youtube.com/watch?v=O_fhci2k5Wo

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...