Fashion Week(end): Fairy Kei+Creepy Cute

Oggi parleremo di due stili che la nostra intervistata, Clelia, fonde insieme a modo suo: Fairy Kei (spesso accostato ad altri stili come il decora o il lolita) e il Creepy Cute, entrambi con alcuni elementi che mescolati insieme danno vita a qualcosa di nuovo, colori pastello accostati a dettagli dark e gothic (croci, eyeballs, pipistrelli ecc.), insomma Pastel Goth alla giapponese!

fairy-kei-bg

Disclaimer: le foto che mostrerò delle ragazze/dei ragazzi intervistate/i non mi appartengono, ma sono dei rispettivi fotografi. Se alcune foto senza logo sono di vostra proprietà, vi invito a contattarmi per mettere i vostri crediti.

Iniziamo subito con l’intervista, Clelia! Come descriveresti in poche parole la moda di Harajuku?
Totalmente folle, fuori dagli schemi, colorata ed eccentrica.

Da quanto indossi insieme questi due stili? Come li hai scoperti?
Da circa tre o quattro anni!
Conoscevo da molto tempo la moda giapponese, perché avendo da sempre una grande passione per il Giappone avevo sentito parecchio parlare di Harajuku e delle mode diffuse tra i giovani, ma non mi ci ero mai avvicinata. Successivamente ho iniziato ad interessarmi ed a vestire la moda Lolita. Il Lolita è uno stile molto elegante ed elaborato, che non lascia spazio agli outfit comodi della vita di tutti i giorni, almeno non ad una persona pigra come me! Cercavo una via di mezzo, qualcosa che richiamasse l’indole femminile e magica dello Sweet Lolita ma che fosse più comodo e decisamente meno ingombrante. E così, girovagando per i blog e le riviste più famose mi sono imbattuta nel Fairy Kei, e successivamente nel Creepy Cute.

Come mai hai scelto questi due stili in particolare rispetto ad altri? 
Fairy Kei e Creepy Cute rappresentano due aspetti della mia personalità: un amore per le cose carine, il così detto “kawaii”, animaletti, caramelle e dolcetti, giochi, fiori, e tutto ciò che appartiene ad un universo di colori pastello e dolcezza, ed un amore per il macabro e gli elementi gotici. Pensare di poter miscelare due cose tanto opposte può sembrare strano, eppure non è impossibile, il fairy kei ed il creepy cute infatti mi permettono di poter essere entrambe le cose. La scelta è stata quindi praticamente fisiologica, quando ho scoperto questi stili ho subito deciso di provarli e mi sono piaciuti talmente tanto che non li ho mai più abbandonati!

Come hai iniziato ad indossarli?
Mi sono appassionata a questi stili perché li ho scoperti navigando nel web, inizialmente mi limitavo a guardare le foto delle altre ragazze che li indossavano, ma già da subito la voglia di provarli era enorme, infatti iniziai fin dal primo momento a raccogliere informazioni e cercare abiti online così da poter iniziare il prima possibile. Prendendo spunto dagli outfit altrui ho iniziato individuare i “modelli di punta” ovvero quel capo e/o accessorio caratteristico di questi stili, un must have di cui non si può fare a meno. Così, dopo svariate ricerche, ho iniziato a comprare degli accessori principali, ma anche dei semplici capi adattabili, e quando ho messo a mia disposizione più risorse possibili ho finalmente iniziato a sperimentare outfit e abbinamenti. Pian piano sono diventata sempre più esperta e ho imparato dove e cosa comprare, perciò tutto è stato più facile e sono riuscita ad ampliare il mio guardaroba.

Indossi quotidianamente fairy kei e creepy cute o solo in occasioni particolari? (meeting, eventi, fiere, feste, etc.) 
Inizialmente, quando mi ero appena avvicinata alle mode giapponesi, avevo intenzione di indossare questi stili nella vita di tutti i giorni, ma col tempo ho dovuto ricredermi. E’ assolutamente possibile farlo con un po’ di costanza e pazienza, qualità che però la mia pigrizia divora in un sol boccone! Parliamoci chiaro, io sono una persona estremamente pigra, e quando mi sveglio la mattina non riesco a neppure a ricordare in quale parte precisa del mio armadio si trovano i miei vestiti, perciò, dopo svariati tentativi di essere alla moda ogni giorno, la voglia di jeans e scarpe comode ha preso il sopravvento. Ma questo nella mia vita non è un fattore negativo, perché mi diverte molto pensare di potermi trasformare solo in determinate occasioni, facendo di trucco, parrucco e composizione di outfit una sorta di rituale magico che accompagna l’eccitazione pre fiera/meeting!

12782073_10206064363796307_1500288659_n

Quali sono le caratteristiche fondamentali del tuo stile? Cosa c’è invece di personale? 
Il fairy kei è uno stile che mescola elementi lolita e decora a stampe raffiguranti personaggi popolari, come ad esempio cartoni animati o fumetti, e dai colori pastello. Caratterizzato da una silhouette A- Line, comprende quasi sempre l’uso di gonne ampie e tutù, numerosi accessori e qualche elemento un po’ vintage, principalmente anni 80. Il creepy cute invece prevede l’accostamento del nero e di elementi gotici a tinte pastello, in sé forse simile al fairy kei sotto alcuni aspetti, ma differente per quanto riguarda il makeup e la scelta dei colori. Ovviamente, al di là dei canoni fondamentali di questi due stili diversi (ma non troppo!) tra loro, c’è il mio gusto personale al quale mi affido per la scelta degli outfit. Ad essere sincera non credo che nel mio stile ci sia un marchio del tutto personale, un elemento tipico della mia persona, se non la mia scelta di abbinamenti, colori, trucchi e accessori che rendono personale il tutto.

Quali sono i tuoi brand preferiti? 
Una menzione speciale va ad Angelic Pretty, in assoluto il mio brand giapponese preferito. Poi adoro anche Super lovers rock, Listen Flavor, 6% dokidoki e Milklim.

Cosa condiziona la scelta dei tuoi outfit? 
Mi affido ai miei gusti personali, ma faccio anche riferimento alle tendenze del momento. In stili tanto specifici è impossibile non dare peso ai vari trend che ogni tanto vengono fuori. Ovviamente, se questi non rispecchiano i miei gusti allora cerco di trovare un’alternativa. In linea di massima cerco sempre di essere conforme alle mie preferenze!

Quanto spendi mediamente per seguire il tuo stile? 
Dipende, cerco sempre le soluzioni più economiche cercando comunque di rendere i miei outfit gradevoli e perfetti in ogni dettaglio. Magari spendo di più per il capo principale (ad esempio un vestito o una gonna) provando poi a risparmiare sul resto dell’outfit. Si possono trovare degli accessori e dei capi adattabili anche nei negozi più vicini a noi, basta solo avere un po’ di occhio!

Da dove compri vestiti e accessori per il tuo stile? Li fai anche a mano? 
Compro quasi tutto online principalmente da taobao, dai mercatini specifici di facebook, dalle varie community e anche dalle aste giapponesi. Come dicevo prima però anche le grandi catene di negozi presenti un po’ in tutte le città, a volte propongo qualche capo adattabile, perciò spesso mi trovo a spulciare gli scaffali alla ricerca di ciò che potrebbe fare al caso mio! Non mi è mai capitato però di creare personalmente qualcosa a mano, anche se supporto l’handmade comprando spesso e volentieri da venditori specializzati in questo settore.

12804018_10206064364036313_1413233303_n

Quale accessorio o dettaglio non può mancare nei tuoi outfits? 
Sicuramente gli accessori per capelli e i gioielli. Adoro riempirmi la testa di fiorellini, fiocchetti, o di corna e manine scheletriche nel caso del creepy cute. Inoltre ho una grande collezione di collanine e anelli (la mia passione) di cui proprio non riesco mai a fare a meno.

Se non indossassi questo stile, quale altro indosseresti? 
Indosso qualsiasi stile mi piaccia e mi faccia sentire a mio agio, il fairy kei e il creepy cute sono solo due dei principali stili che indosso, ma spesso mi capita di vestire anche lolita o di interessarmi ad altre mode! Ad esempio anche il decora e il gyaru mi piacciono molto, e mi è spesso capitato di comprare capi e accessori che potessero andare bene anche per creare outfit specifici.

Hai provato altri stili? 
Sì, ho provato il lolita ed ho fatto anche tanti esperimenti su altri stili, mai pienamente riusciti, ma mi piace variare cercando di avvicinarmi agli stili più in voga.

Cosa ne pensano del tuo stile amici e parenti? 
Pensano tutti che sia molto eccentrico, ma che mi doni. Alcuni esprimono opinioni negative, ma sempre nel rispetto della mia persona e dei miei gusti. Molti altri nutrono parecchia curiosità e mi fanno tante domande o si interessano allo stile. In linea di massima non ricevo critiche negative, ma solo consigli o pareri educati. Su questo posso dire di essere stata molto fortunata!

Sei mai stata presa in giro per il tuo modo di vestire? E come hai affrontato le critiche? 
Mi è capitato ogni tanto, per lo più in luoghi pubblici o per la strada. Io non sono una persona di indole aggressiva e non faccio nemmeno molto caso ai pareri altrui, per tanto ho sempre proseguito dritto per la mia strada facendomi scivolare addosso gli insulti! Odio perdere il mio tempo con chi non lo merita!

Conosci altre persone che indossano questo o altre mode giapponesi? 
Sì, grazie alle mode giapponesi ho stretto tante nuove amicizie, alcune anche molto importanti. Ho conosciuto tante belle persone ed ho partecipato a numerosi eventi e raduni. Un aspetto divertente di questa mia passione è proprio il fatto che posso condividerla con tante amiche e amici. Insieme ad altre due ragazze ho partecipato, per un periodo di tempo, all’organizzazione di eventi jfashion nel sud Italia, è stata un’esperienza divertente che mi ha regalato tanti bei momenti.

12784359_10206064363716305_1941262905_n

Prendi qualcuno in particolare come modello per il tuo stile? Altrimenti a cosa ti ispiri? 
Non c’è qualcuno in particolare a cui mi ispiro, seguo sui social diverse blogger e modelle, ma controllo anche le riviste giapponesi più famose, come ad esempio Kera. Anche social network come Instagram o Tumblr sono una grande fonte di ispirazione, in quanto è facilissimo trovare foto di outfit o aggiornamenti sulle varie collezioni dei brand. Tuttavia la mia risorsa più preziosa resta Tokyo Fashion, una rivista online il cui scopo è quello di fotografare e postare online, ogni giorno, i migliori outfit che si incontrano per le vie di Tokyo. Le ispirazioni che è possibile trarre da questi scatti sono infinite, ed inoltre, sempre aggiornate all’ultima moda del momento.

Come ti fa sentire indossare questo stile? 
Mi fa sentire molto carina ed a mio agio, mi permette di esprimere la mia fantasia anche attraverso l’aspetto fisico, e questo mi rende felice. Quando vesto in questo modo acquisto molta fiducia in me stessa e mi sento meglio.

Cosa consiglieresti a chi vorrebbe cominciare ad indossare questa o altre mode giapponesi?
Consiglierei di iscriversi ai gruppi e alle community in modo da poter sempre restare aggiornati sulle tendenze, di informarsi molto e di sperimentare sempre, senza mai fermarsi, perché i primi tentativi potrebbero andare male ma il resto è tutto in discesa!

Per farvi un’idea ancora più chiara, lascio alcuni link di video su Youtube, sempre grande fonte di idee e tutorial xD ovviamente fatevi sempre consigliare dai “master” nei gruppo delle Fashion Walk vicine a voi!
Ci vediamo al prossimo articolo! :3

Link utili:
Fairy Kei transformation: https://www.youtube.com/watch?v=3ZXmt5gyv_I
Shoes collection per questo tipo di stile: https://www.youtube.com/watch?v=hNMW2Oft58U
Guida al Pastel Goth in inglese: https://www.youtube.com/watch?v=QlZb0HLFhUA
Pagina della Harajuku Fashion Walk sullo Stretto: https://www.facebook.com/HFW.Messina/?fref=ts
Gruppo della Fashion Walk sullo Stretto: https://www.facebook.com/groups/327478547412769/?fref=ts

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...