#NostalgiaPortamiVia: Pokemon Indigo League

Sì, lo so, questo è uno dei pilastri della nostra infanzia. Nessuno è rimasto immune ai “mostri” creati da Satoshi Tajiri, anche chi non ha mai giocato ai videogiochi avrà visto qualche puntata dell’anime. Però non ho potuto fare a meno di notare cose su cui non ci si sofferma da bambini e quindi necessitavo di parlarne.

Partirei col botto dai traumi che mi ha suscitato la versione fornita da Netflix.

Prepare for trouble
La versione inglese del motto del Team Rocket: JessiePreparatevi a passare dei guai
JamesDei guai molto grossi
JessieProteggeremo il mondo della devastazione
JamesUniremo tutti i popoli nella nostra nazione
JessieDenunceremo i mali della verità e dell’amore
JamesEstenderemo il nostro potere fino alle stelle
JessieJessie
Jamese James
JessieTeam Rocket, pronto a partire alla velocità della luce
JamesArrendetevi subito, o preparatevi a combattere
MeowthMeowth, proprio così!

Sulla piattaforma, infatti, troviamo una versione ridoppiata: per esempio, Misty ha cambiato voce e Ash non viene più da Pallet Town ma da Biancavilla (come Rosso e Blu nel videogioco, del resto), ma questo è il meno. Il trauma più grande per me è stato il cambio di parole per il motto del Team Rocket.

Ci sono rimasta malissimo, volevo recitarlo insieme a loro!

E a proposito, Meowth non si pronuncia “meo”, ma “miao”, il suo è un nome onomatopeico (anche in giapponese, il suo nome, Nyassu, contiene l’onomatopea giapponese del verso del gatto, nya). Però fa schifo e per me rimane Meo. Insomma, questo ridoppiaggio vuole evidentemente essere più fedele, traumatizzando però gli spettatori veterani come me, tanto quanto il cambio della sigla iniziale. Essendo Netflix un servizio streaming americano, non hanno messo la sigla del Giorgione nazionale, ma quella americana tradotta. Non una novità, se avete visto anche i film Pokemon: nel primissimo, infatti, quello che vede lo scontro tra Mew e Mewtwo, viene utilizzata proprio quella sigla nella scena introduttiva. Peccato che anche di questa abbiano cambiato le parole. Vi lascio qua sotto le due versioni, ditemi quale preferite voi.

Qui la versione come la trovate nel film Mew VS Mewtwo: https://www.youtube.com/watch?v=f70W-WDjLYo

Il problema maggiore di questi rewatch, per me, è che da adulti non si può fare a meno di notare quanto certe situazioni siano assurde, pur considerando il contesto “fantastico”. Sono davvero tante e in pratica in questo articolo ve le elenco per pura necessità di sfogare la mia esasperazione.

ash
Ma dove vuoi annà?

Partiamo da Ash e la sua inettitudine (ma diciamocelo, anche quella di Misty e Brock). Abbiamo un ragazzino di 10 anni che una madre degenere e uno studioso ignorante mandano allo sbaraglio a cercare Pokemon per tutta la regione. Gli mettono in mano un Pokemon a caso (perché gli altri starter erano già stati presi dagli altri ragazzi in partenza come Ash), un Pokedex inutile (e tra poco ci arriviamo) e nemmeno una bicicletta per potersi spostare. La situazione sembra già abbastanza disperata, ma sarebbe ancora fattibile se solo Ash avesse una minima conoscenza dei Pokemon. Invece è solo un bimbo sprovveduto che nemmeno sa come catturare un Pokemon, per non parlare della conoscenza dei tipi esistenti e le loro debolezze: per esempio, manda Pikachu contro i Pokemon roccia di Brock, che se gli avesse fatto la domanda retorica “ma sei scemo o mangi le pietre?” ci sarebbe stata a pennello. Pure alla scuola di Pokemon, quando vi si imbattono, fa una figura atroce dimostrando la sua ignoranza. E vogliamo parlare di come si fa maltrattare anche da Pokemon da lui stesso catturati? Charizard, Primeape… E tu vorresti diventare maestro di Pokemon, signorino? Ma vai a pulire casa, che almeno ti rendi utile e tua madre non è costretta poi a prendersi un Mr. Mime.

Certo è che nemmeno chi lo circonda gli è molto di aiuto.

download

Il professor Oak non sa far altro che rimproverarlo per non aver catturato molti Pokemon, ma intanto a creato un fottuto Pokedex che non è in grado di dare alcuna informazione utile. Giuro, spesso dice che non ci sono abbastanza informazioni sul Pokemon in questione (come nel caso di quelli fantasma), mentre per altri dà informazioni incomplete, concludendole solo quando ormai il danno è fatto.

Misty e Brock saranno anche capopalestra ma pure loro hanno dei problemi, soprattutto mentali: mi viene in mente l’episodio in cui trovano una colonia di Pikachu e uno di questi cade in un fiume e cercano di salvarlo… senza usare nemmeno uno dei Pokemon d’acqua di Misty! Sono gli altri Pikachu che fanno catena tipo scimmie per riuscire ad afferrarlo, ma WTF. Invece nell’episodio in cui aiutano un mago con degli Exeggcutor, Ash usa il suo Charmander per sconfiggerli ma sono tantissimi e poretto un altro po’ ‘sta salamandra sviene per la stanchezza… e Brock non ha mai tirato fuori il suo dannatissimo Vulpix, ma perché?!

Non riesco nemmeno a scrivere tutto senza fare un elenco, talmente succedono cose a random senza logica:

  • per esempio, i nostri tre amici finiscono in una clinica per esseri umani con Pikachu ammalato (che tra l’altro sta spesso male, ma Ash, te ne prendi cura o cosa?!). Il dottore marpione che ci prova anche con Misty (galera, sto arrivando) alla fine accetta di aiutare l’infermiera Joy della città vicina, che poretta si trova da sola a dover prendersi cura di tantissimi Pokemon malati. Così Ash e gli altri si improvvisano medici per i Pokemon che sovraffollavano il centro Pokemon. Vi ricordo di nuovo, a questo punto, le conoscenze di Ash in materia… per non parlare appunto del medico per esseri umani che all’improvviso riesce a diventare una specie di veterinario di Pokemon, quando nemmeno uno studioso come il professor Oak sa qualcosa di preciso e certo sui Pokemon, VA BEH
  • nella palestra di Azzurropoli non accettano chi non apprezza i profumi che vengono prodotti dalla Capopalestra Erica e le sue compagne e io ero tipo: ma è il tuo lavoro! Non puoi permetterti capricci del genere! Solo un attimo ma rendiamoci conto: ad Ash viene negato l’accesso alla palestra per il semplice fatto che gli danno fastidio i profumi molto forti ed è praticamente costretto a farsi aiutare dal Team Rocket a entrare sotto mentite spoglie pur di poter sfidare Erica. Ma scherziamo? Com’è che la Lega Pokemon non manda a far controlli tipo i NAS?
    season01_ep25_ss04
  • Sempre a proposito di palestre, Ash conquista gran parte delle sue medaglie senza davvero vincere la sfida contro i capipalestra, ma salvando la situazione con i suoi Pokemon dopo un attacco del Team Rocket o qualche disastro imprevisto. E io dico: ma perché a lui vengono praticamente regalate le medaglie, mentre gli altri devono farsi il mazzo per sconfiggere ogni singolo capopalestra? E poi ha pure il coraggio di fare l’invidioso con Gary che, per quanto sia sbruffone, ha tutto il diritto di vantarsi dei propri successi perché almeno sa qualcosa sui Pokemon!
  • le pokeball non catturano solo Pokemon, a quanto pare. Nell’episodio in cui Ash cattura Mankey, questo per evitare la cattura lancia un onigiri. Cioè, la pokeball ha catturato una polpetta di riso, ma daiiiiiInfermiera_Joy
  • robe al di là della realtà accettate come normali, tipo la psicocinesi di Sabrina, che addirittura rimpicciolisce Ash e gli altri come bamboline. Ma che cazz, va bene i Pokemon ma anche questo no, mica siamo in un anime sci-fi, già basta il fatto di dover accettare che infermiere Joy e agenti Jenny siano tutte uguali tra loro!
  • Esperienze extracorporali nell’episodio coi Pokemon fantasma: Ash deve catturarne uno per poter sperare di sconfiggere Sabrina e intanto la sua anima e quella di Pikachu si fanno dei bei viaggetti con Hunter, Gastly e Gengar come niente fosse, MA COMEEE
  • Una delle peggiori, secondo me, è che il Team Rocket, oltre ad essere un’organizzazione di criminali, sia composto da ragazzini! Oltre a Jessie e James, infatti, facciamo anche la conoscenza di Cassidy e Butch, ma questi hanno tutti 16 anni e Giovanni sarà un ultra quarantenne! Sfruttamento minorile, associazione a delinquere, truffa… perché nessuno si preoccupa di dare la caccia a questo tizio? Addirittura nel videogioco è a capo di una palestra!

20403568_10213215365649371_2026396246_n

E già che siamo in argomento Team Rocket, per quanto mi riguarda, sono loro i veri protagonisti, quelli che più meriterebbero una medaglia al valore per la perseveranza. Ostinatamente fissati con l’obbiettivo di catturare Pikachu, trovano i più assurdi stratagemmi per ingannare Ash & co., ricorrendo anche a travestimenti che teoria gender levati proprio. Per quanto in Giappone questo sia solo un espediente per rendere comica una determinata situazione, qua invece è ovviamente visto come qualcosa di “osceno” e assolutamente da censurare. Basti pensare a James, che per vari travestimenti utilizzati per ingannare Ash e gli altri, spesso indossa abiti da donna e si finge donna (immedesimandosi molto bene tra l’altro lol).20428084_10213215365609370_506676479_n
Jessie e James, inoltre, sono LA coppia. Altre ship in Pokemon sarebbero oltremodo superflue, bastano loro, che hanno un feeling della Madonna, sia tra loro che con i loro Pokemon. James è assolutamente il mio preferito del trio, così melodrammatico e teatrale, si cala benissimo in ogni parte e alle volte fa battute degne di un troll dell’internette.

L’episodio sul suo passato è la cosa più randomica del mondo: i genitori si fingono morti per costringerlo a ricevere la propria eredità e sposarsi con la sosia di Jessie (di nome Jessiebelle, much original, very fantasy). Ma l’episodio risulta comunque bellissimo perché James sa qual è la sua via e lascia perfino il suo amato Growlithe per perseguire la strada del Team Rocket coi suoi amici (e poi Growlithe faceva troppo sbirro, scusate). Come gruppo, il Team Rocket sono la cosa più bella di sempre, rimangono sempre insieme anche nelle serie successive, mentre Ash invece cambia spesso compagni di viaggio. Impara Ash, THIS IS TRUE FRIENDSHIP, no te che abbandoni pure i tuoi Pokemon! (Butterfree, Primeape, Hunter, Muk e Krabby smollati a Oak, poi anche Charizard e Squirtle… INSOMMA TUTTI TRANNE PIKACHU L’ELETTO).

20370389_10213215366529393_2092108993_n

Il mondo dei Pokemon, insomma, è decisamente particolare: famiglie intere di sorelle e cugine che fanno lo stesso lavoro e sono tutte uguali, pokeball che catturano polpette, addirittura i ragazzini possono guidare moto e auto come niente fosse, pur non essendo maggiorenni (sì, Gary, dico a te). Allo stesso tempo però, di tanto in tanto, c’è una leggera vena di realismo, percepibile solo in contesti particolari o sotto forma di dettaglio di sfondo in brevi sequenze. Per esempio, veniamo a sapere che i Pokemon sono maschi e femmine (questo dettaglio viene introdotto solo dai giochi di seconda generazione in poi) e possono innamorarsi (vedi Butterfree); possono anche ammalarsi e rischiare di morire, in conseguenza ad una lotta (e questo lo apprendiamo arrivando a Lavandonia, sia nell’anime che nel videogioco); inoltre sono praticamente gli “animali” di questo mondo: nell’episodio in cui compare un allenatore un po’ truffaldino con il suo Farfetch’d, il Pokedex spiega che questo Pokemon può essere mangiato insieme ad una zuppa di porri! Ma basta vedere anche solo l’impiego dei Growlithe come cani poliziotto, per capire che nel mondo Pokemon essi vengono considerati quasi come degli animali veri e propri. Successivamente coi nuovi Pokemon, apprendiamo addirittura che viene estratto il latte dei Miltank come fossero mucche normali e so di una scena censurata dove si vede Meowth nutrirsene direttamente da una delle mammelle di un Miltank.

A proposito di ciò, Pokemon è stato pesantemente censurato in Italia e America (e come ben sappiamo, spesso a noi arrivano direttamente le versioni pre-censurate da qualcun altro), il che mi lascia sempre basita, perché se ritieni sia necessario censurare un prodotto per il tuo pubblico, forse non sarebbe nemmeno il caso di proporlo. Spenderesti meno soldi per la post-produzione e magari riusciresti a investirli in qualcosa che ti aggrada. Purtroppo, ancora oggi è diffusa l’idea che i cartoni animati siano concepiti per i bambini, quando invece, nel caso di molti anime giapponesi, non è affatto così. Suppongo, comunque, che la versione di Netflix sia meno censurata di quanto pensassi: avevo letto, ad esempio, che erano stati censurati i graffi rossi che Meowth lascia spesso in faccia ai suoi compagni, mentre invece su Netflix potrete vederli sempre. Idem per quanto riguarda i travestimenti di James, come dicevo sopra, e mi viene in mente anche un tizio che Ash e gli altri incontrano in una città: nell’aspetto e anche nel ridoppiaggio hanno voluto renderlo palesemente gay. Anche i nomi stessi con cui conosciamo i personaggi sono di fatto delle censure, dato che nel corso dell’anime sono state censurate tantissime scritte in giapponese e altri riferimenti alla cultura giapponese. Magari qualcuno di voi non sa che Ash si chiama in realtà Satoshi, Misty invece è Kasumi, Brock era Takeshi, Jessie e James si chiamavano Musashi e Kojiro e così via. La maggior parte di questi cambi di nome sono assolutamente ingiustificati e spiace purtroppo sapere che è praticamente impossibile poter vedere una versione senza censure, poiché le uniche disponibili sono solo in lingua originale e senza alcun sottotitolo. Ma poi di che diavolo stiamo parlando, in America i protestanti più intransigenti sono riusciti a trovare riferimenti satanici, per il fatto che i Pokemon si catturano ed è necessario conquistare medaglie per controllarli, come avverrebbe tra demoni e talismani. Insomma, discorsi che non stanno né in cielo né in terra.

download

Che dire? È stata per me un’escalation di emozioni. Non rivedevo questa prima serie da veramente tanto, tanto tempo. Sono invecchiata col brand e ancora lo seguo per quanto possibile (il Solgaleo di Pokemon Sole mi guarda malissimo perché non ci sto giocando). Riguardarlo ora è stato un piacere, perché ho potuto comprendere cose su cui prima non mi ero mai soffermata, principalmente a causa soprattutto delle scarse conoscenze dell’epoca. Assurdità a parte, sulle quali alla fine si può soprassedere dato l’elemento fantastico generale, anche dopo questa visione, ritengo che Pokemon sia uno dei prodotti video-ludici e d’intrattenimento meglio riusciti degli ultimi vent’anni. Coinvolgono grandi e piccini e insegnano valori semplici ma importanti. Sono davvero contenta che Netflix lo abbia proposto tra i suoi contenuti e vi consiglio di farvi un viaggetto sul treno dei feels, magari vi tornerà anche voglia di prendere in mano il vostro Game Boy. Il mio primo gioco Pokemon è stato Pokemon Giallo, il vostro? 🙂

Vi lascio infine giusto qualche curiosità:

  • Satoshi Tajiri, da piccolo, si divertiva a catturare coleotteri e a farli combattere tra loro e da questo nasce l’idea base dei Pokemon. Da notare che ce ne sono alcuni di tipo coleottero e che, inoltre, i Pokemon si riproducono tramite le uova!
  • Le regioni del mondo Pokemon sono ispirate inizialmente alle isole del Giappone: Kanto alla sua omonima reale, Johto al Kansai, Hoenn al Kyushu e Sinnoh all’Hokkaido. Da Unima in poi, invece, sono ispirate a Paesi stranieri: Unima è ispirata a New York e Kalos alla Francia. Ovviamente l’ultimissima regione uscita, Alola, è ispirata alle Hawaii. Chissà se ne vedremo una ispirata all’Italia!
  • La serie di videogiochi è oggetto di numerose teorie, tra le quali figurano quelle secondo cui i Ditto sono gli esperimenti di clonazione non riusciti di Mew (infatti pesano uguale, sono dello stesso colore anche nella versione shiny e sono gli unici che possono usare l’attacco trasformazione), oppure che i Cubone siano in realtà cuccioli di Kangaskhan, o ancora che i Gengar non siano altro che “l’ombra” dei Clefable (il loro nome inoltre deriva dalla parola Doppelganger, che indica un “sosia”, e infatti Gengar e Clefable sono molto simili come forme e misure).
  • Il Pokemon che avrebbe dovuto fare da mascotte generale per il brand non avrebbe dovuto essere Pikachu, ma Clefairy. Voi chi preferite tra i due?
  • Nonostante quanto detto sulla morte dei Pokemon, Tajiri ha voluto che i Pokemon non potessero morire né sanguinare durante una lotta, così da evitare scene troppo violente (e, diciamocelo, ulteriori censure!).
  • Slowpoke è l’unico Pokemon che può de-evolversi: poiché la sua evoluzione dipende dallo Shellder attaccato alla sua coda, se questo viene staccato, lo Slowbro tornerà ad essere uno Slowpoke.
  • Sembra che il mondo Pokemon che noi conosciamo a partire dalle versioni Rosso e Blu possa essersi originato in seguito ad una guerra: questo spiegherebbe l’assenza del padre del protagonista (sia nei giochi che nell’anime, se ci pensate) e anche la presenza di soldati come Lt. Surge, adulti criminali e posizioni importanti come i capopalestra ricoperte da ragazzi piuttosto giovani.
  • I Pokeon di tipo psico sono deboli contro quelli di tipo Spettro, Buio e Coleottero: queste, di fatto, sono anche le paure più comuni e diffuse e che agiscono infatti sulla nostra psiche!
  • Un’isola del Pacifico sotto la Nuova Zelanda ha emesso una moneta valida con stampato sopra Pikachu!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...