DRAMAtique: Stranger

Netflix sembra essersi gettato a capofitto sui drama coreani, caricandone moltissimi e di vario genere, dal thriller alla commedia romantica. Ho quindi deciso di dare una possibilità anche agli attori di questo Paese, pur essendo rimasta un po’ basita dalla recitazione giapponese in drama come Itazurana Kiss (di cui vi ho parlato qui, se vi interessa).

La mia scelta è quindi ricaduta su Stranger, o Secret Forest, che dir si voglia, poiché l’attrice co-protagonista, Doona Bae, era un volto a me già conosciuto: la potete trovare nelle produzioni americane di Cloud Atlas e la serie che ha provocato una mobilitazione quasi mondiale su qualsiasi social contro la sua cancellazione, Sense8.

Il vero protagonista di Stranger è il signor Hwang Si-Mok. Egli svolge il proprio lavoro di procuratore (che in Corea pare consista non solo in lavoro d’ufficio e poi in tribunale, ma anche in una vera e propria ricerca di indizi e prove sul campo, come un investigatore criminale della polizia) con freddezza ed impassibilità, dovute ad un’operazione al cervello, nel lobo frontale, che quindi gli ha fatto perdere ogni capacità di provare e mostrare emozioni, oltre a provocargli lacune nel relazionarsi con gli altri e a conferirgli una forte sensibilità al suono.
Tutto ciò gli torna parecchio utile nel corso del caso che coprirà tutti i 16 episodi e che tratta della morte per accoltellamento di un uomo coinvolto anche in un altro caso e a cui Si-Mok voleva porre delle domande.
Man mano che indizi e rivelazioni si faranno strada nella mente di Si-Mok, egli viene affiancato dall’investigatrice Han Yeo-Jin, con la quale crea in qualche modo una sorta di amicizia. Gradualmente, durante le indagini, che dureranno diverso tempo, i due si immergeranno nella corruzione delle figure politiche e istituzionali del loro Paese, fino a scovarne le origini oscure, in un crescendo di colpi di scena.

forest06-00157
Il procuratore Hwang Si-Mok e la poliziotta Han Yeo-Jin
tumblr_oskwnbhe2S1rwtf0bo1_500
* I’m watchin you in Korean *

Continua a leggere

Annunci

DRAMAtique: Terrace House

Oltre ai programmi divertenti di cui ogni tanto ci capita di vedere spezzoni su Facebook, anche in Giappone pare piaccia il genere reality in tv. Netflix sembra aver intuito il potenziale che soprattutto Giappone e Corea hanno in fatto di serie tv e intrattenimento in generale ed è per questo che mi trovo qui a parlarvi di Terrace House! Lo inserisco nella mia categoria “DRAMAtique” poiché, anche se non è una vera e propria serie tv, è comunque composta da più stagioni.

Possiamo paragonare Terrace House al nostro Grande Fratello. Ma meglio! I giapponesi hanno preso un format e non lo hanno semplicemente copiato, ma lo hanno reso migliore di quello ormai colmo di trash a cui siamo abituati.

Come avrete capito, dunque, ci troviamo in una casa super bella con inquilini che non si conoscono tra loro. Cosa c’è di diverso?

Continua a leggere

DRAMAtique: Itazura na Kiss: Love in Tokyo

Netflix ormai è mio compagno inseparabile di lunghi pomeriggi e serate e di recente sono stati aggiunti al catalogo anche serie anime e drama provenienti da Giappone, Corea e Cina. Ovviamente ho cominciato concentrandomi su quelli giapponesi e dopo una prima esperienza con Good Morning Call (di cui non vi ho parlato perché l’ho trovato carino ma niente di che) non potevo più evitare di inserirli in una rubrica qui sul blog! Quindi, di recente, sono stata di nuovo impegnata con un altro drama tratto da un manga, per di più molto famoso: Itazura na Kiss!

105713l
La versione manga

Il manga lo conoscevo appunto di fama, perciò ho deciso di dare una possibilità al drama.

La trama è la seguente: Kotoko Aihara frequenta l’ultimo anno di liceo, vive da sola col padre e sta per traslocare con lui in una nuova casa. Con l’aiuto degli amici Kin-chan, Satomi e Jinko il trasloco è completo ma all’improvviso un meteorite, facente parte di una stella cadente passata da poco sulla zona, cade proprio sulla nuova casa di Kotoko, distruggendola.

Continua a leggere