My Bookshelf: Stupore e tremori

Questo mese una lettura veloce ma particolare, con protagonista una donna altrettanto particolare: Amélie Nothomb. È stato il mio primo approccio con questa autrice di origine belga che ha vissuto abbastanza a lungo in Giappone da essere perfettamente bilingue, una donna davvero fuori dagli schemi per il suo modo di osservare il mondo che la circonda, estraniandosene tra fantasie e sogni.

Stupore e tremori - Amelie Nothomb

Amélie in Giappone ci è nata, precisamente a Kobe, dunque si sente molto legata a questo paese che però ha regole e formalità non scritte piuttosto rigide e a lei non congeniali, soprattutto per via della sua personalità a dir poco originale. Tramite questo breve racconto della sua esperienza in un’azienda giapponese, cerca di riavvicinarsi al Giappone, che le ha regalato una bellissima infanzia e allo stesso tempo le ha fatto vivere un’esperienza al limite della sua stessa fantasia, facendole realizzare che non è la società che può definire ciò che sei e qual è il tuo valore.

_64A1336 Amelie Nothomb
Amélie Nothomb

Amélie dunque inizia a lavorare per questa azienda di import-export e viene assunta proprio in virtù del suo bilinguismo, ma fin da subito è relegata a mansioni di dubbia utilità, come il fare fotocopie o portare caffé. Qualsiasi altra iniziativa è ferocemente negata dai suoi superiori, in particolare dalla signorina Fubuki Mori, per la quale Amélie inizialmente prova una grande ammirazione: Fubuki è bellissima, la tipica bellezza giapponese, lavora in maniera precisa, praticamente perfetta, ma in realtà cela un’indole vendicativa e rancorosa che porterà Amélie ad una rapida e umiliante discesa nella gerarchia dell’azienda. Dopo una serie di tentativi grossolanamente falliti di Amélie di portare a termine compiti ardui come il controllo dei rimborsi spese di tutti i dipendenti in viaggio per l’azienda e successivamente anche il compimento di un incarico affidatole dal responsabile di un altro reparto Fubuki le affida il degradante compito di occuparsi della pulizia dei bagni del piano.

Continua a leggere

Annunci

My Bookshelf: Gridare amore dal centro del mondo

Non so perché io abbia scelto Gridare amore dal centro del mondo come lettura per questo mese tutto dedicato all’amore, dato che non è affatto un libro allegro o particolarmente scritto bene. Lo avevo in libreria fin dal 2009 ma non l’ho mai riletto fino adesso, eppure l’ho scelto immediatamente quando si è trattato di dover decidere cosa proporvi per questo mese e spero vi colpirà come ha colpito me.

Gridare amore dal centro del mondo
Questa è la copertina dell’edizione in mio possesso, ma ce n’è anche un’altra se preferite quelle con fotografie 🙂

Questo libricino di poco più di cento pagine, di Kyoichi Katayama, ci racconta l’innocente storia d’amore tra Sakutaro e Aki. I due sono compagni di classe già alle medie ma durante i loro anni al liceo si avvicinano, scambiandosi un diario, rifacendo insieme la strada di casa, passando insieme le vacanze estive. Sono perfettamente a loro agio insieme e, a differenza di quello che capita solitamente tra le coppie giapponesi, comunicano spesso reciprocamente i propri sentimenti l’uno all’altra. Sakutaro dunque ci racconta come passano le sue giornate insieme ad Aki, che però lentamente ma inesorabilmente si ammala di leucemia. Fin dall’inizio sappiamo che Aki non sopravvive alla malattia, perché il racconto comincia proprio con Sakutaro che si dirige in Australia con la famiglia di lei per spargere le sue ceneri. Quelli che leggiamo infatti sono i ricordi di Sakutaro, ormai adulto, con un tono davvero malinconico che ci fa capire come in realtà non abbia mai superato davvero la morte di Aki.

Continua a leggere

My bookshelf: Cronache di un gatto viaggiatore

Eccoci con la prima recensione dell’anno! E visto che è la prima, perché non cominciare subito con un libro strappalacrime?

hiro arikawa
Hiro Arikawa

Cronache di un gatto viaggiatore di Hiro Arikawa pare sia stato un caso editoriale in Giappone e siccome noi sappiamo bene quanto i gatti facciano parte della cultura giapponese (e se non lo sapete qui ho scritto un articolone a riguardo!) non ho potuto esimermi da questa lettura, tanto più che non avevo mai letto ancora un romanzo che trattasse dell’amicizia tra un umano e il suo compagno peloso.

Si può dire, in realtà, che l’incontro tra Satoru e il suo gatto sia stato l’inizio non solo di una semplice amicizia, ma di un legame profondo di fiducia reciproca e di comprensione, una comprensione tale da non rendere nemmeno necessarie delle spiegazioni.

cronachediungatto cover

Ma andiamo con ordine. Satoru è il protagonista di questo racconto velato di una nostalgia inspiegabile, reso scorrevole e piacevole nonostante ciò dalla voce narrante del gatto in questione. Satoru salva infatti il gatto dopo che questi rimane vittima di un incidente e gli dà il nome Nana, per via della sua coda ad uncino che gli ricorda il numero sette (nana in giapponese). Nana in realtà, pur essendo randagio, non era in cerca di un padrone ma dopo esser guarito con le cure di Satoru, decide di non andarsene e accetta questo nome. I due cominciano quindi a condurre una vita piuttosto tranquilla insieme finché un giorno Satoru porta con sé Nana per un lungo viaggio, volto alla ricerca di qualcuno che possa prendersi Nana in affido.

Continua a leggere

My Bookshelf: Kafka sulla spiaggia

Finalmente, dopo numerosi tentativi, ho trovato un libro che valesse la pena di recensire per questa rubrica. Come da regola che mi sono autoimposta, qui tratterò un libro per autore, soprattutto per non trovarmi incastrata negli stessi temi ogni volta che vi propongo qualcosa. Nel caso abbiate suggerimenti, non fatevi scrupoli, le uniche condizioni sono le seguenti: recensisco appunto un libro per autore, quindi date un’occhiata alla cronologia della rubrica per farvi un’idea di chi ho già trattato; possono essere libri scritti da autori giapponesi, cinesi o coreani oppure da autori di altre nazionalità, in tal caso l’importante è che almeno le tematiche o l’ambientazione o qualche personaggio siano giapponesi, cinesi o coreani; nessun limite di generi, che siano romanzi o (auto)biografie, basta che siano validi e rispondano alle precedenti caratteristiche.

Bene, stavolta tocca all’osannato Haruki Murakami, di cui avevo già letto Norwegian Wood. Questo non mi colpì come invece ha fatto Kafka sulla spiaggia e per tale motivo il momento per questo scrittore è arrivato solo ora. Ciò non significa, però, che io sia riuscita a comprendere appieno questa lettura, in quanto Murakami è un vero e proprio maestro nel mescolare realtà e fantasia, in un vortice onirico da cui difficilmente si riesce a uscire lucidi.

kafkacover
Questa è la copertina che mi piace di più tra le varie edizioni del libro

Lungo tutto il libro seguiremo le vicende dei due protagonisti che non si incontreranno mai, ma le cui vite si intrecceranno indissolubilmente fino alla risoluzione finale degli eventi che li vedono coinvolti.

Tamura Kafka scappa di casa il giorno del suo quindicesimo compleanno, dopo aver pianificato la fuga per due anni. Essa è dovuta ad una sorta di profezia, o piuttosto maledizione, dai tratti edipici, enunciatagli da suo padre: Tamura ucciderà il padre e giacerà con la madre e la sorella. Per questo il ragazzo decide di mettere una distanza di sicurezza prima che questa profezia si compia, partendo senza una meta precisa.

Il signor Nakata, invece, da bambino fu al centro di uno strano incidente: in gita in montagna con la sua classe delle elementari, lui e tutti i suoi compagni all’improvviso persero misteriosamente i sensi. Dopo poco però i bambini si risvegliarono, immemori dell’accaduto. L’unico a subire dei danni permanenti e evidenti fu proprio Nakata, risvegliandosi dal coma dopo due settimane con un’amnesia totale e la perdita delle conoscenze fino ad allora acquisite. Così ha vissuto tutta la vita con un sussidio, senza saper leggere né scrivere, ma riuscendo inspiegabilmente a parlare con i gatti.

Continua a leggere

My Bookshelf: Il magico potere del riordino

188423-Everyone-Knows-the-Chair-

Sono disordinata praticamente da sempre, come probabilmente molti di voi. Ho passato anni nel dare un posto e un ordine sensato alle mie cose. Per un periodo l’unica cosa realmente sistemata con un criterio rimasto immutato sono stati i fumetti. Ora che anche questi strabordano dalle librerie, insieme ai libri che finalmente ho ripreso un po’ a comprare in cartaceo (però il Kindle è tipo un salvavita), tutto è andato a sommarsi al casino circostante, fatto di vestiti, carte e oggetti vari.

Ma finalmente, dopo anni di sofferenza, un eroe è venuto in mio soccorso dal lontano Paese del Sol Levante. Marie Kondo aka Konmari e il suo potere del riordino metteranno in ordine tutta la casa!

No ok, non è così semplice.

Continua a leggere

My Bookshelf: Le quattro casalinghe di Tokyo

Ogni tanto, anche se costretti a leggere alcuni testi per via degli esami universitari, salta comunque fuori qualcosa di interessante. È così che ho trovato questo libro, mentre leggevo il manuale di letteratura giapponese, il capitolo dedicato al romanzo poliziesco.

In Giappone la fiction è stata per lungo tempo denigrata per i suoi contenuti fantastici e ad essa erano preferiti testi più realistici, spesso scritti in cinese. La lingua giapponese infatti si è sviluppata secondo dinamiche complesse e attraverso vari dibattiti sulla sua forma, perciò ci sono voluti diversi secoli prima che potesse essere considerata degna. Insomma, un po’ come successe con il latino e la lingua volgare in Italia, la letteratura e la lingua giapponese si sono sviluppate di pari passo tra esperimenti e affermazioni di nuovi generi.

Con lo sviluppo del romanzo, detto shōsetsu, grazie all’influenza occidentale che si fece strada in Giappone dopo la riapertura del paese al mondo, nel 1868, sono man mano nati i diversi generi, tra cui quello poliziesco, di cui Edogawa Ranpō è considerato l’iniziatore.

KIRINO_Natsuo
Natsuo Kirino

Tra i libri di questo genere citati sul mio manuale mi colpirono il titolo e la trama di questo romanzo di Natsuo Kirino. Quella piaga della mia prof ha il brutto vizio di spoilerare il contenuto dei romanzi che cita nel suo manuale, ma di questo accennava solo alle protagoniste e alla trama iniziale, dunque ho pensato potesse valer la pena di leggerlo (sì, ho voluto palesemente evitare uno dei testi obbligatori da leggere, che però sto leggendo con fatica ora).

Insomma, il titolo fa subito riferimento alle protagoniste: non le definirei esattamente “casalinghe”, poiché sono quattro donne, certo non più giovanissime, che lavorano tutte insieme part time al turno di notte di una fabbrica di colazioni preconfezionate, ma tutte e quattro sono accomunate dalla frustrazione e dalla tristezza delle loro vite tra le mura di casa, dove ciascuna ha i propri problemi.

Continua a leggere

My Bookshelf: la Piccola Sarta cinese e l’amante giapponese

Eccomi qui, ennesima nuova rubrica! Sì, voglio cercare di coprire vari campi, che poi sono semplicemente le cose che mi interessano 😉 e per cominciare bene, doppia recensione!

I libri che voglio proporvi ci presentano ciascuno uno spaccato di due culture diverse, quella cinese e quella giapponese. Entrambi seguono le vite di persone comuni, profondamente coinvolte nei loro contesti storici e in relazioni amorose che le cambieranno radicalmente per tutta la vita.

Balzac e la piccola sarta cinese è il primo di questi due romanzi, scritto dall’autore e regista Dai Sijie.

Balzac e la piccola sarta cinese
In copertina i tre interpreti del film omonimo.

Continua a leggere